VERTICE FAO

Anche questo vertice FAO, con molte delusioni, si è concluso. I Potenti della terra si sono incontrati per discutere ed affrontare il vergognoso e grave problema della FAME NEL MONDO.

“Una questione politica, una grande presa per il culo”

Il tutto si può racchiudere nelle parole della canzone di Venditti. Ma a quante altre stronzate dobbiamo assistere, ci si rende conto di quali personalità erano presenti a questo vertice?
Ghedaffi parla di fame nel Mondo e poi spende chissà quale cifra per una festa con 200 ragazze; Il Papa bacchetta gli ostentatori di ricchezza mentre al mondo c’è chi muore di fame, ma basta farsi un giro per le vie vicino a San Pietro, per trovare negozi religiosi e per religiosi, che vendono a cifre astronomiche ninnoli e paramenti. Con quello che si sarà speso in misure di sicurezza per i “GRANDI” chissà quanta gente si sarebbe potuta sfamare. L’elenco potrebbe continuare………..

Una delle cose che realmente si sono decise in questo vertice è l’aumento del Grano e dei Frumenti. Infatti con lo stanziamento degli aiuti, con le promesse d’aiuto le borse dei cereali hanno potuto inziare i loro rialzi. Tutto è mercato, grazie alla Fame prospera il Mercato. Ovviamente questo i Grandi non lo dicono e non lo diranno.

Basta con queste manifestazioni per illudere le popolazioni affamate (ma tanto a loro neanche arriveranno le notizie) e buttare fumo negli occhi alla gente.

E’ verissimo che le risorse ci sono per tutti, ma dovremmo tutti avere un po di meno di quello che abbiamo oggi.  Non è con la politica delle ELEMOSINE che si risolvono questi problemi. E sopratutto basta con un mondo incentrato sul PIL: a che serve l’aumento della ricchezza se poi questa viene DISTRIBUITA A CAZZO.

Una verità è che LA NOSTRA RICCHEZZA (paesi progrediti) è dipendente dalla povertà e dallo sfruttamento di quella parte di mondo che è POVERO e resterà povero, perchè anche le ELEMOSINE che diamo a loro fanno inalzare il nostro PIL.

VERTICE FAOultima modifica: 2009-11-19T22:52:44+01:00da primosse
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento